Antologia - Orbite vuote

Antologia

Orbite vuote
17 storie selezionate dal sito!








 

Marco Candida - Il mostro della piscina

Marco Candida

Il mostro della piscina








titolo horror
PAPPAGALLO
Proprietario
Andrea Malabaila, autore di "Bambole cattive a Green Park" (Marsilio, 2003) e "L'amore ci farà a pezzi" (Azimut, 2009)


Prezzo

Acquista ora!


1 €
scarica racconto pdf

A proposito di questo oggetto...
Che il pappagallo della mia ragazza fosse stregato, purtroppo l'ho capito troppo tardi. Certo, non era mai stato granché amichevole e ogni volta che mi avvicinavo gonfiava le piume e dondolandosi nella gabbia cercava un varco per infilare la sua testa nera – in effetti è un conuro dalla testa nera –, mordeva le sbarre col suo becco tagliente e tentava di beccarmi. “Prova a dargli un biscottino, così fate amicizia” mi ripeteva lei. Ma poi lui lo lasciava cadere, con mossa studiata: preferiva di gran lunga le mie dita e se riusciva a pinzarle... beh, ero costretto a farlo roteare in aria finché non rimaneva intontito e mollava la presa. Credo sia per questo motivo che la mia ragazza ha incominciato a preferirlo a me, ma anche questo l'ho capito troppo tardi.
Una mattina, dopo che avevo dormito da lei, il pappagallo ha cominciato a strepitare come non aveva mai fatto prima. Era geloso, il bastardo. Voleva le attenzioni della sua padroncina tutte per sé e allora io mi sono divertito a istigarlo – era una guerra tra me e lui, ormai. L'ho abbracciata e baciata e ancora abbracciata e ancora baciata, mentre lui era costretto a guardare dietro le sbarre della gabbia. E lì ho cominciato ad avere dubbi sulla sua natura, perché a un certo punto ho sentito distintamente, tra uno strepito e l'altro, che diceva: “Crepa! Crepa!”, con quella r fastidiosa che hanno i pappagalli. Strano però che lei non l'avesse sentito.
Un'altra volta, mentre ero solo con lui e ci fissavamo con aria di sfida, mi ha urlato: “Cornuto! Cornuto!”, sempre con quella r fastidiosissima. Allora ho cominciato a farmi delle domande. Dov'è che andava la mia ragazza quando non ci vedevamo? Aveva ricominciato a frequentare il suo ex? Ho provato a dire il suo nome al pappagallo e lui ha risposto prontamente: “Arturo! Arturo!” Però non voleva dire nulla, solo che lui gli era evidentemente più simpatico.
Da quel giorno ho deciso di ignorarlo – era solo un dannato pappagallo, dopotutto. Mica dovevo avere la sua approvazione o cose simili. Ma poi quello che ho visto stanotte mi ha sconvolto. Ho sentito la mia ragazza alzarsi dal letto e l'ho seguita. Si è avvicinata alla gabbia e l'ha aperta. Lui ha detto: “Bacio! Bacio!” e lei l'ha baciato, delicatamente, sul becco. A quel punto lui si è trasformato in un uomo. Un uomo neanche troppo bello, secondo me, ma non dico di intendermene. E quello che hanno visto i miei occhi, subito dopo, è troppo doloroso da descrivere... Tradito con un pappagallo! Sono tornato a letto, evitando di fare-rumore-apposta-per-attirare-l'attenzione e sentirla poi sciorinare-chiarimenti-men-che-meno-plausibili.
Stamattina sono scappato senza dire niente, portandomi via il pappagallo con tutta la gabbia. Per evitare che mi mozzasse qualche dita – forse non ve l'ho detto ma me ne mancano un paio per colpa sua – gli ho versato della colla potentissima sul becco. Adesso non desidero altro che qualcuno se lo prenda, anche gratis. Alla mia ragazza ci penserò poi.


altri articoli horror
acquista oggetto horror